CARISMA

NATURA, SPIRITO, FINE E MISSIONE DELLA CONGREGAZIONE.

La Congregazione delle Ancelle Eucaristiche è una famiglia religiosa di Diritto Pontificio, dedita all’apostolato ed alla carità, nata dalla docilità della Fondatrice (Madre Eucaristica Cicala)  allo Spirito, per vivere ‘oggi’ il carisma del servizio e dell’amore secondo il Vangelo (di S. Giovanni Capitolo 13).

All’Eucaristia ispiriamo la nostra vita, il nostro nome, il nostro apostolato, per diventare con Gesù Ostia sacrificio di lode al Padre, segno di comunione e pane spezzato per la salvezza dei fratelli.

Meditando l’Annunciazione pensiamo alla nostra vocazione di ancelle. Nel “sì” di Maria rinnoviamo e fortifichiamo la nostra fede, esprimendo l’intima armonia tra contemplazione ed azione: le radici nel cuore dell’Eucaristia, le ramificazioni nelle opere quotidiane.

Nel nostro servizio alla Chiesa locale partecipiamo alla pastorale d’insieme con cura particolare alle famiglie, alla formazione umana e cristiana dell’infanzia e della gioventù, alla cura dei poveri e degli ultimi.

Poiché la Parola è divenuta perenne Presenza eucaristica, ci dedicheremo specialmente alla catechesi dell’Eucarestia perché ogni fratello scopra e viva l’amore di Gesù in mezzo a noi e, per mezzo di Lui, l’amore verso l’uomo.

“Gesù che sempre aveva amato i suoi … li amò sino alla fine”: questo Amore guiderà ogni nostra scelta e ispirerà ogni nostro pensiero e attività apostolica, fino al dono totale di noi stesse.

Dono che passa attraverso il servizio fraterno, ” … come io vi ho lavato i piedi … anche voi … “, esercitando cosi un’accoglienza incondizionata di Gesù nel fratello, poiché ” .. chi accoglie uno mandato da me, accoglie me, e chi accoglie me accoglie il Padre”. (Gv. 13)

Cosi vivendo restiamo nello spirito della Fondatrice che, unendo la preghiera al servizio; ci diceva: ‘Lascio Gesù per Gesù’, nella fedeltà al Comandamento nuovo: “Amatevi gli uni gli altri. Amatevi come io vi ho amato”.

Con la partecipazione alla Celebrazione Eucaristica ci uniamo al Mistero di morte e Resurrezione di Cristo; con la comunione quotidiana al suo Corpo ci fortifichiamo nella fede, speranza e carità, in comunione con Lui e tra noi; con l’adorazione eucaristica personale e comunitaria intendiamo adorare, lodare, ringraziare, riparare ed intercedere.

Contemplando l’Eucaristia impariamo ad entrare in intima familiarità col Signore nel!’ atteggiamento dell’ancella che tende le mani al suo Signore e si mette al suo servizio incondizionato nei fratelli.

Comunicare con il Corpo e con il Sangue del Signore significa comunicare con l’Altare che è il Signore. Da qui deriva per noi il servizio dell’altare che, realizzato in comunione stretta con i Presbiteri, i Diaconi e gli altri ministri, è anch’esso espressione della nostra vocazione al servizio dell’Eucaristia.

 

All’Eucaristia ispiriamo la nostra vita, il nostro nome, il nostro apostolato, per diventare con Gesù Ostia sacrificio di lode al Padre, segno di comunione e pane spezzato per la salvezza dei fratelli