CONGREGAZIONE DELLE ANCELLE EUCARISTICHE
Cenni storici

La Chiesa ha definito il nome:

“Pia Società delle Vergini Eucaristiche” e la Chiesa, meglio interpretando il Carisma fondazionale, ha modificato il nome: “Congregazione delle Ancelle Eucaristiche” fondata da Maria Grazia Cicala il 6 agosto 1934 festa del SS. Salvatore.

 

Tra Napoli e Caserta, nella cosiddetta Terra di Lavoro, fertilissima di campi e ricchissima di raccolti, sorge Melito di Napoli.
Il nome Melito sembra derivato dal termine greco melois, ossia frutto, di cui la zona è ricca; una mela è anche nello stemma del paese. Melito fu casale di Napoli per ordine di Federico II ma ha reperti archeologici risalenti al IV secolo a.c.. L’attuale chiesa parrocchiale di Santa Maria delle Grazie fu costruita su una vecchia chiesetta per volere dall’arcivescovo di Napoli Giuseppe Spinelli e consacrata l’ 11 dicembre 1950 dal cardinale Alessio Ascalesi che aggiungeva al titolo Santa Maria delle Grazie quello del protomartire Stefano, patrono del paese.
La maggioranza della popolazione era contadina e andava nei campi al primo tocco della campana, le 6 del mattino, per rientrare, ancora al tocco della campana, verso le 5 del pomeriggio, con un unico intervallo a mezzogiorno per una colazione veloce. E’ qui che nacque il 16 marzo 1894 Maria Grazia Cicala  ed è intorno alla Parrocchia di S. Maria delle Grazie che continuò l’esperienza di vita religiosa di Madre Eucaristica dopo aver abbandonato per motivi di salute prima le Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato e poi Madre Maria Landi di Gesù (cfr Vita fondatrice) . Ritornata in famiglia Madre Eucaristica continuò la sua vita di consacrazione, aveva avuto il permesso di conservare l’abito e il nome da religiosa.

Nella parrocchia di Melito, con il ritorno di Madre Eucaristica, cominciarono a fiorire convinte partecipazioni alla santa Messa, turni di adorazione eucaristica, lezioni di spiritualità e, come ovvia conseguenza, l’assistenza sia spirituale che materiale ai poveri, il servizio liturgico e il coro parrocchiale.

Per le giovani che desideravano una vita comune più impegnata cristianamente nasce un’associazione con nome, abito, regola. Mons. Raffaele Balsamo, parroco, e Madre Eucaristica, iniziano così la Compagnia delle Vergini Eucaristiche. È il 25 marzo 1932.

Madre Eucaristica riuniva periodicamente queste ragazze che ormai erano sue figlie, leggeva e commentava le regole di vita scritte dal parroco e vivificate dalla sua testimonianza. Concludeva: “Voi dovete essere le amanti, le discepole, le ancelle, le consolatrici di Gesù Sacramentato: quale missione è la vostra! Gesù Eucarestia qui in terra deve essere il centro dei vostri pensieri, dei vostri affetti, di ogni vostra azione. Al di sopra di tutto dovete mettere il Cuore Eucaristico di Gesù … “.

Però queste figlie insistevano per avere una casa dove vivere assieme, pregare con un cuor solo, formarsi alla vita e all’apostolato.

Ogni giorno nella chiesa parrocchiale c’era I’ esposizione del Santissimo e turni di adorazione da parte delle Vergini; il giovedì l’esposizione era solenne; inoltre Madre Eucaristica, con le prime figlie, andava in giro a elemosinare per i poveri, con grande disappunto del papà e rabbia dei fratelli che non sopportavano che una delle loro famiglia si facesse mendicante.

Con quello che raccoglievano Madre Eucaristica confezionava tanti pacchetti che mandava agli anziani, soprattutto a quelli che erano soli, tramite le sue figlie.

Erano 11 signorine, dodici con Madre Eucaristica, come gli Apostoli, visto che Gesù era il Maestro, il 6 Agosto 1934 iniziarono in una casa colonica in Melito, donata dal padre commendatore Cicala, una vita comune di preghiera e servizio ai poveri. Il motto di Madre Eucaristica per lei e le sue figlie era: “Lode, Amore, Riparazione

Il 18 agosto 1935, nella casa di Melito, vennero accolte le prime orfanelle. Subito divennero quaranta e non erano assistite da nessun Ente Pubblico.

Padre Anselmo Chiacchio lavorò alla stesura delle regole di vita che si intitolarono Costituzioni della Pia Società delle Vergini Eucaristiche. Il 16 gennaio 1956, il cardinale Marcello Mimmi riconobbe la Pia Società delle Vergini Eucaristiche come Istituto di diritto diocesano approvandone le Costituzioni ad experimentum.

Il 26 aprile 1956, Festa della Madre del Buon Consiglio, la comunità vestì il nuovo abito religioso e il 31 maggio seguente Madre Eucaristica e le sue prime figlie emisero i voti di povertà, castità e obbedienza nelle mani del delegato del Cardinale Arcivescovo.

L’opera è nata a Melito di Napoli, con Orfanotrofio, Scuola Materna ed Elementari, nonché casa Madre e Generalizia. Attualmente manca l’Orfanotrofio. La Comunità svolge attività educative e formative con una scuola dell’Infanzia e Primaria, ma anche per le famiglie e quanti hanno bisogno di ascolto e accompagnamento; si collabora attivamente con le parrocchie con la catechesi e la visita agli ammalati e le persone sole.

Con il riconoscimento diocesano iniziarono ad aprirsi comunità fuori dell’Arcidiocesi di Napoli.

La Madre Fondatrice, acquistò una casa in Meta di Sorrento per accogliere le Orfanelle della Casa Madre durante le vacanze estive e per consentire alle sorelle che ne avevano bisogno, di poter beneficare delle cure termali di Castellammare. Attualmente è Casa di Accoglienza per gruppi di preghiera e per quanti hanno bisogno di riflessione e di quiete per ritemprare il corpo e lo spirito.

Nel 1960 le sorelle Maria ed Anna Filotico, sapendo che la Madre cercava un appartamento in Napoli per consentire la frequenza alle scuole medie e superiori alle orfanelle, donarono la loro proprietà in via Cesare Rossarol, 190 in Napoli. Nel 1962 la comunità si trasferì in via Mario Pagano, 45 essendo più vicina all’Istituto Froebeliano.

Nel 1963 Madre Eucaristica aprì una Casa in provincia di Isernia, a Fornelli, dove le suore erano impegnate nella scuola materna, ma soprattutto erano dedite alle opere di apostolato in collaborazione con la Parrocchia.

Si aprirono altre case e nacquero altre comunità. Il 25 luglio del 1972, con l’approvazione del cardinale Corrado Ursi, Arcivescovo di Napoli, la Congregazione divenne di diritto diocesano. L’arcivescovo cambiò anche il nome in: Ancelle Eucaristiche.

Il 28 dicembre 1974, mentre tutta la comunità era riunita in Casa Madre per gli Esercizi Spirituali annuali, lo Sposo Divino chiamò improvvisamente la Fondatrice ad andargli incontro per le nozze eterne. Alla sua morte mancava ancora l’approvazione Pontificia della Congregazione. Madre Eucaristica lo aveva tanto desiderato come segno di autenticità per la sua opera, ma il numero dei membri non era ancora sufficiente.

Madre Eucaristica aveva chiesto molte volte a Gesù un segno della sua Volontà: “Se vuoi l’opera, devi farle avere il riconoscimento della Chiesa!” ma durante la sua vita … niente.

Le sorelle, con l’aiuto di Padre Galasso, inoltrarono la pratica a Roma presso la Sacra Congregazione dei Religiosi. Intanto si pregava e si sperava: la fede della Madre Fondatrice era grande e diventò grande anche quella delle sue figlie, nella solennità di Cristo Re dell’Universo del 1975, venne il riconoscimento tanto atteso.

Subito dopo le sorelle dovettero rivedere le Costituzioni per aggiornarle e meglio definire il Carisma di cui la Madre parlava, ma non scriveva mai.

Nel 1981, costrette a lasciare la Diocesi di Isernia, accettarono l’invito del Parroco di San Vitale a Fuorigrotta. Anche lì scuola materna ed opere parrocchiali.

Per un certo periodo la Congregazione ha prestato il suo apostolato nella Parrocchia di Massaquano (Vico Equense) facendo una forte esperienza di povertà, di precarietà, di intenso apostolato soprattutto di carità.

Successivamente, accettando il ripetuto invito di S. Ecc. il Vescovo Illiano, abbiamo inviato una piccola comunità di sorelle presso la Chiesa di S. Gioacchino in Nocera Inferiore per l’Adorazione perpetua, la catechesi, l’apostolato dell’accoglienza e della carità.

Il Carisma della Congregazione ha una duplice dimensione: contemplazione ed azione, preghiera e lavoro, amore e servizio. “Le radici nel cuore dell’Eucaristia, le ramificazioni nelle opere di apostolato”. Adorazione Eucaristica, Santa Messa, vita Sacramentale, culto Mariano; vita comune, formazione permanente, studio della S. Scrittura, dei Documenti del Magistero, aggiornamento, partecipazione alla pastorale d’insieme delle Parrocchie in cui la comunità si trova, attenzione ai piccoli, alle famiglie, agli ultimi, …

Le Costituzioni furono approvate il 29 giugno 1990 con un Decreto che riconosceva il dono di un Carisma ricevuto per la docilità della Fondatrice allo Spirito Santo e che chiedeva alle suore, fedeli al carisma e seguendo l’insegnamento e gli esempi della Fondatrice, di: “esprimere l’intima armonia tra contemplazione e azione e vivere la gratuità del dono e la propria vocazione di ancelle, per meglio cooperare all’espansione e dilatazione del Regno di Dio con il vigore e l’efficacia della Santissima Eucaristia”

Il 5 gennaio 1996 la Congregazione, avendo riconosciuto che non poteva essere eucaristica senza essere aperta anche alla Missione “ad gentes”, è partita per l’Africa, l’Uganda. Attualmente abbiamo una comunità a Mulagi (dove abbiamo iniziato e che chiamiamo la Casa Madre della Missione in Uganda), con un Dispensario in piena attività, una Scuola Professionale affiliata all’Università di Makerere in Kampala, con un apostolato mirante alla emancipazione della Donna, collaborazione in Parrocchia; una Comunità a Tororo presso la Casa Arcivescovile; una Comunità a Kampala con una Scuola Materna molto frequentata; infine una Casa di Formazione a Namugongo accanto al Santuario dei Martiri Ugandesi.

Nel 2007 la Congregazione ha raggiunto l’Indonesia, isola di Flores, Diocesi di Ruteng, con Casa di Formazione e una Scuola Materna nata su richiesta della gente della zona.

Il 4 settembre 2013, dietro invito del Parroco don Gianfranco Lalli,  le Suore Ancelle Eucaristiche hanno iniziato il loro apostolato nella comunità parrocchiale di S. Maria Maggiore a Guglionesi, Diocesi di Termoli, provincia di Campobasso.

A giugno 2016 la Congregazione è riuscita ad acquistare un appartamento in una palazzina di due piani, a Roma in via della Stazione Aurelia, come casa di studentato per le giovani religiose e come Procura Generale.

Il 1 novembre del 2016, 3 sorelle sono arrivate a Timor Est per iniziare una nuova avventura di evangelizzazione, presso la Parrocchia “Madonna delle Grazie” in Metinaro alla periferia della capitale Dili.

Rendiamo grazie a Dio che si è servito di povere ancelle per diffondere l’Amore per Suo Figlio, nascosto sotto le specie del Pane e del Vino!